In viaggio verso il tuo mastermind – Con chi lo creo?

Un gruppo mastermind ha valore quando i partecipanti sono un gruppo di persone che hanno alcune caratteristiche precise che ora analizziamo insieme.

Gruppo di pari

Questo è il termine che si usa per identificare il ruolo dei partecipanti. Vuol dire che nessuno è superiore agli altri, può essere che qualcuno più pratico dia una mano a tenere il calendario e le fila degli incontri, qualcuno più schematico produce un riepilogo di quanto si è detto. In definitiva però tutti hanno lo stesso peso e lo stesso spazio.

Mentalità e valori condivisi

È importante che le persone coinvolte abbiano mentalità e valori simili perché questa è la base su cui costruire la fiducia del gruppo. Questo vuol dire che questo confronto va tenuto prima della partenza dei lavori.

Disponibilità a condividere

Questo è un altro concetto fondamentale: rispetto al gruppo bisogna essere disponibili a condividere il proprio sapere e uso il verbo condividere nella sua accezione più ampia. È strategico essere capaci di dare agli altri e anche di ricevere perché se ci si sente troppo o troppo poco rispetto al gruppo allora la tua sarà una crescita difficile.

Legato a questo concetto c’è anche la disponibilità a dire la verità sia nel raccontare di sé sia nel dare consigli, è inutile presentare la situazione diversa dalla realtà, così come è poco utile censurarsi nel dare i tuoi pareri. 

In fondo è la tua esperienza che ha valore qui!

Punto di partenza e obiettivo

Quando decidi di far parte di un mastermind è importante che tu abbia un obiettivo chiaro che ti guidi ed è anche strategico sapere qual è la tua condizione di partenza. Affinché ci sia possibilità di condividere è necessario che i partecipanti abbiano qualcosa in comune: potrebbe essere il tipo di azienda (consulente o azienda di produzione, con dipendenti o senza), la dimensione del fatturato o la decisione di aprire un nuovo ramo d’azienda. Se c’è troppa disparità diventa difficile condividere.

Senso di responsabilità

Si traduce così il termine accountability anche se nella traduzione si perde un po’ della forza di questa parola. Ho lasciato per ultimo questa caratteristica perché è, a mio parere, la più importante e quella con maggiori sfaccettature. Quando prendi un impegno di fronte ad altre persone sei più portato a sentire il senso di responsabilità: se tutte le settimane dici che vuoi mettere in atto un’azione che poi continui a rimandare, dopo un po’ senti il peso delle tue affermazioni e gli altri si sentono anche autorizzati a chiederti perché stai procrastinando.

C’è poi un altro significato che è quello su cui voglio tu ponga la tua attenzione: la tua azienda è tua responsabilità e quindi, parafrasando il famoso discorso di John Fitzgerald Kennedy, non chiederti cosa gli altri possono fare per la tua azienda ma cosa tu puoi fare per renderla florida, qual è la strada che vuoi percorrere? Dove vuoi arrivare? Un tale approccio è quello giusto per un mastermind perché ti terrà concentrato e coinvolto.

Un gruppo composto di persone con queste caratteristiche può percorrere un viaggio insieme, può essere di supporto una all’altra, può aiutare tutti a fare un salto di qualità. Tu sei pronto a metterti in gioco? 

Questa settimana ti invito ad analizzare ogni caratteristica e scrivere quali sono i tuoi punti di forza se decidi di far parte di un mastermind e su cosa invece dovresti lavorare. Prima di cercare il tuo gruppo di pari devi essere chiaro con te stesso.

 

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter